Assalto al consolato USA di Bengasi: Morto l’ambasciatore Stevens

L’ambasciatore americano in Libia, Christopher Stevens, è morto in seguito all’attacco contro la sede diplomatica nel corso di questa notte a Bengasi. Stevens sarebbe deceduto per asfissia a causa dell’incendio sviluppatosi all’interno dell’edificio. Oltre a lui hanno perso la vita altri tre funzionari USA. Il diplomatico si trovava in visita al consolato nella città di Bengasi nel momento in cui è stato attaccato.

Secondo quanto si è inizialmente appreso l’attacco sarebbe stato organizzato da un gruppo di manifestanti che protestavano contro l’uscita di un film sul profeta Maometto, considerato blasfemo. Il film in questione è intitolato “Innocence Of Muslims” (innocenza dei musulmani) è  prodotto Nakoula Basseley Nakoula, già noto per aver prodotto film come “Innocence Of Bin Laden” e “Desert Warriors”. Inoltre il trailer del film in questione risulta essere stato rilasciato alcuni mesi fa e non in questi giorni come riportato da alcuni organi di stampa. Su You Tube si può trovare un trailer del suddetto film pubblicato in data 2 luglio 2012 da un utente di nome Sam Bacile (probabilmente uno pseudonimo dello stesso regista). I costi di produzione si aggirerebbero intorno ai 5 milioni di dollari, dopo aver visionato alcuni istanti della pellicola ci si rende conto di trovarsi di fronte ad una produzione amatoriale di scarsissimo livello.

Stando a quanto affermato da fonti americane e israeliane, dietro questo episodio ci sarebbe la mano di Al Qaeda. È un’ipotesi molto azzardata per un episodio occorso proprio nel 11esimo anniversario degli attentati dell’11 settembre, ma pare che le persone che hanno sferrato l’attacco al complesso diplomatico fossero armate meglio delle stesse guardie poste a difesa dell’ambasciata. Questo porta a pensare che non si trattasse di semplici manifestanti ma di un gruppo ben organizzato.

Nel frattempo la reazione degli stati uniti non si è fatta attendere. Il segretario di stato americano Hilary Clinton ha già preso le distanze dichiarando che si tratta di un film “disgustoso e riprovevole”.  Un gruppo di circa 50 Marines verrà distaccato a protezione delle sedi diplomatiche mentre due cacciatorpediniere della US Navy verranno schierati lungo le coste libiche.

Proseguono inoltre gli scontri presso le ambasciate statunitensi in Egitto, Yemen. Si registrano disordini anche in Iran presso l’ambasciata Svizzera. La situazione è ben lontana dal tornare alla normalità.

Incorporiamo il video chi volesse visionare il trailer in questione:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...